Come curare un’unghia incarnita senza ricorrere all’intervento chirurgico

L’unghia incarnita se non curata tempestivamente può essere invalidante. Nei casi più gravi la ferita si può infettare compromettendo non solo il dito interessato all’infiammazione ma anche la corretta funzionalità del piede. Vediamo come trattare il disturbo senza ricorrere all’intervento chirurgico.

Come riconoscere un’unghia incarnita

L’unghia incarnita è una forma di onicopatia che colpisce sia uomini che donne e interessa in particolare le dita dei piedi. Si presenta quando le estremità delle unghie si diramano nella carne procurando gonfiore, infezione e purulenza. Un’unghia incarnita provoca un dolore intenso. L’infiammazione richiede un trattamento immediato per arginare l’infezione. Tra i fattori di rischio troviamo:

    indossare scarpe troppo strette
    taglio arrotondato delle unghie
    eccessiva sudorazione nelle scarpe
    infezioni fungine
    predisposizione ereditaria.

Chi colpisce l’unghia incarnita

Alcune persone sono più soggette ad essere colpite da un’unghia incarnita. Tra le persone più vulnerabili ci sono i diabetici che dovrebbero consultare un podologo ai primi sintomi per evitare che la situazione degeneri in un’infezione dell’osso. Anche gli anziani devono prestare molta attenzione. Con l’età la pelle è più fragile e le unghie si deformano divenendo spesse e con una forma ricurva. Un’altra categoria a rischio sono gli adolescenti che subiscono cambiamenti ormonali e avvertono una maggiore sudorazione dei piedi. L’umidità in eccesso rende la loro pelle fragile più esposta a tagli e screpolature soprattutto se si indossano per tutto il giorno calzature da ginnastica o scarponcini con la tomaia alta. Tuttavia le esigenze sono soggettive ed è sempre importante impostare subito un piano di azione.

Come si cura l’unghia incarnita

Per alleviare i disturbi dell’unghia incarnita bisogna iniziare il trattamento al più presto. La maggior parte delle unghie incarnite possono essere sanate senza ricorrere ad un intervento chirurgico. Prima di prendere decisioni affrettate, è necessario consultare un podologo. Nella maggior parte dei casi il podologo, utilizzando strumenti specifici, sarà in grado di rimuovere la parte di unghia che si è insinuata tra la pelle responsabile del dolore. Se l’intervento del medico non dovesse risolvere il problema, allora sarà opportuno consultare un chirurgo.

Quali trattamenti da seguire a casa

Per combattere l’unghia incarnita ci sono medicinali reperibili in farmacia, ma esiste anche un semplice rimedio da fare a casa senza ricorrere alla chirurgia:

    immergere il piede in acqua calda dove è stato aggiunto del sale da cucina o del bicarbonato di sodio e lasciarlo a bagno per 15-30 minuti. Questo metodo impedisce all’unghia di infettarsi e ammorbidisce la pelle
    asciugare il piede con un asciugamano, quindi aiutandosi con un bastoncino per cuticole, si solleva il bordo dell’unghia da trattare. A questo punto per mantenere l’unghia sollevata si mette un pezzo di cotone tra l’unghia e la pelle
    Applicare una crema antibatterica o antibiotica consigliata dal farmacista.

Il pediluvio va ripetuto ogni 24 ore cambiando sempre il pezzo di cotone. L’intervento deve proseguire fino a quando l’unghia non cresce di qualche millimetro. Una volta che l’unghia è cresciuta, va tagliata dritta e non arrotondata, per evitare che si reincarni.

Come prevenire l’unghia incarnita

Prendendo qualche accorgimento è possibile prevenire la ricorrenza delle unghie incarnite e evitare di ricorrere all’intervento chirurgico. Gli accorgimenti da prendere sono:

    indossare scarpe larghe
    evitare i tacchi alti
    calzini di cotone per evitare la sudorazione eccessiva del piede
    tagliare le unghie dritte e non arrotondate
    indossare quando necessario calze o collant compressivi con “punta aperta” per evitare di pressare le unghie dei piedi con la scarpa
    utilizzare un olio lenitivo se si hanno le unghie dei piedi arricciate.

Durante il trattamento è bene lasciare l’unghia incarnita all’aria. Indossare calzature a piedi nudi o a pianta larga così da permettere alle dita di muoversi liberamente evitando di comprimere il dito ferito. Piccoli accorgimenti che curano un’unghia incarnita senza ricorrere all’intervento chirurgico.